Concorso scuola :per il CNPI è inopportuno bandire un concorso

Scritto da: -

L CNPI ha espresso il 21 settembre il parere sulla proposta di bando di concorso prodotta dal Ministero dell'Istruzione.

Immagine di anteprima per ministero_della_pubblica_istruzione.JPG

 

Il CONSIGLIO NAZIONALE DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE ha espresso il 21 settembre il parere sulla proposta di bando di concorso prodotta dal Ministero dell’Istruzione.

Il Consiglio superiore della Pubblica Istruzione fu istituito nel Regno di Sardegna il 30 novembre 1847, come organo consultivo regio, e, in seguito alla promulgazione dello Statuto Albertino, governativo.

Il primo Consiglio superiore dell’Italia repubblicana si insediò il 6 agosto 1948,inaugurato dal presidente del Consiglio De Gasperi e dal ministro Gonella con competenze dalla scuola primaria a quella universitaria.

Per il CNPI è inopportuno bandire un concorso
in una fase di grande disagio per i precari della scuola, le cui aspettative sono state troncate dai tagli del governo Berlusconi da una parte e dall’attuazione di percorsi abilitanti dall’altra nel contesto di una riforma pensionistica che contribuisce a rendere irrisorio il numero dei posti messi a concorso e
quindi a renderlo ancora più inopportunomentre è appena iniziato il percorso abilitante attraverso i TFA, impedendo ai futuri abilitati di trovare uno sbocco in tempi rapidi quando ancora non sono partite le procedure per i TFA speciali che riguarderanno docenti già impegnati nel mondo della scuola, a volte con molti anni di servizio sulle spalle. Per non parlare dei TFA per le istituzioni AFAM, per gli insegnanti della scuola dell’infanzia e primaria che non hanno addirittura ancora il decreto attuativo.

Per il CNPI il concorso troverebbe la sua giusta collocazione solo con il consolidarsi di alcune azioni propedeutiche:

- l’istituzione per le scuole di un ‘organico funzionale
-l’attivazione delle procedure abilitanti ordinarie e speciali
-la revisione delle classi di concorso
- un nuovo regolamento sulle modalità di reclutamento come da delega della legge 244/07.
Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 70 voti.